Fondazione Sandro Pertini - Sito Ufficiale


Rassegna stampa
Lo scandalo di Barbiana
I quarant'anni di 'Lettera a una professoressa'
di FRANCESCO ERBANI
''Cara signora, lei di me non ricorderà nemmeno il nome. Ne ha bocciati tanti''. Cominciava così un libro nato per scuotere la sicurezza e il senso comune di una collettività. Si intitolava Lettera a una professoressa, lo scrissero otto ragazzi della scuola di un piccolo borgo toscano, due case addossate a una chiesa - Barbiana, frazione di Vicchio, nel verde del Mugello. Li guidò un prete, don Lorenzo Milani. Il volumetto, centossessanta pagine, uscì a maggio del 1967. Alla fine di quello stesso mese il prete compì quarantaquattro anni e il 26 giugno morì.
A quarant'anni da allora quel libro non ha smesso di scuotere. Ha suscitato appassionati consensi e vibrati dissensi, e ha costruito un mondo a sé, fatto dei modi diversi di leggerlo, arrivando persino ad essere giudicato come il modello di una scuola permissiva, e all'opposto, savonaroliana e manesca. La Lettera è però anche lì con la sua scrittura asciugata, le tabelle su quanti ragazzi poveri vengono bocciati nella scuola dell'obbligo, su quanto contano la cultura e il censo della famiglia per il successo scolastico. Un libro sulla scuola che invece di attutirle consolida le differenze e come i cattivi ospedali cura i sani e respinge i malati, sull'ingiustiza di far parti uguali fra disuguali, su quanto invece renda uguali il possesso della lingua, con frasi scolpite, tipo: ''Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è l'avarizia''. E poi i paradossi, le provocazioni e le male parole. E gli interrogativi che tuttora pone a una comunità la quale, ha ricordato Tullio De Mauro, conduce alla licenza media il novantadue per cento di chi ne ha diritto, ma, sola in Europa, custodisce un quaranta per cento di persone che poi stentano a capire una frase con una relativa e un'operazione a due cifre.
Libro-manifesto, si è detto, consegnato al mondo contadino di Barbiana, utopico e indigesto. Ma quel volume, suggerisce Giorgio Pecorini, che ha frequentato il prete per dieci anni, ''non deve esser letto come un ricettario, ma come un atteggiamento etico''. ''Spesso gli amici (...) insistono perché io scriva per loro un metodo, che io precisi i programmi (...)'', annota don Milani in Esperienze pastorali, pubblicato nel 1958, quattro anni dopo l'arrivo a Barbiana. ''Sbagliano la domanda, non dovrebbero preoccuparsi di come bisogna fare per la scuola, ma solo di come bisogna essere per poter fare scuola''.
Testimone di come fu scritto quel libro è Adele Corradi. Nel 1963 aveva poco meno di quarant'anni e insegnava Lettere in una scuola media. Le parlò di don Milani la sua preside, moglie del giudice Marco Ramat, uno dei fondatori di Magistratura democratica. Era appena stata varata la riforma della media: obbligo fino a 14 anni, niente più avviamento al lavoro, scuola uguale per tutti, come dettava la Costituzione. Un giorno di settembre salì a Barbiana, lì quel sacerdote proveniente dalla buona borghesia, di solida cultura classica e laica, madre ebrea, convertitosi a vent'anni e ridinato a ventiquattro, sperimentava da un decennio il nuovo sistema. Le avevano detto di fare in fretta, perché gli era stato diagnosticato il morbo di Hodgkin e gli restavano tre mesi di vita.
Quella mattina don Milani e i suoi ragazzi stavano tentando un esperimento: una lettera collettiva agli aluni di un altro grande innovatore, il maestro Mario Lodi. Quel modello di scrittura venne praticato altre volte fino a sfociare nella Lettera a una professoressa. Nel frattempo la Corradi si era trasferita a Barbiana, aveva affittato una stanza vicino alla chiesa. Don Lorenzo stava male, ma le sue cure avevano dato risultati e smentito le previsioni più invauste. ''La scrittura della Lettera iniziò a fine estate del 1966'', racconta la Corradi. ''Due ragazzi erano stati bocciati agli esami''. Due ragazzi figli di povera gente, a uno dei quali si deve la pagina iniziale: ''Cara Signora, le di me non si ricorderà nemmeno il nome''. ''Don Lorenzo era spesso a letto, si alzava solo la domenica per la messa. Poi da gennaio non si alzò più. La scrittura collettiva funzionava così: ognuno appuntava delle idee su un foglietto, poi i foglietti venivano accumulati e discussi uno per uno. Si limava, si toglieva il superfluo e si cercavano le parole più efficaci, comprensibili anche all'ultimo degli alunni. Un giorno proposi di inserire un concetto: non limitiamoci a dire agli insegnanti di non bocciare, diciamo che devono anche insegnare. Don Lorenzo mi guardò e disse: ''Non va bene. Gli insegnanti devono insegnare. Se non insegnano vanno all'inferno''. Giancarlo, un ragazzo di 15 anni si occupò delle statistiche. A darci una mano venne Giuseppe Matulli, che lavorava all'Istat e che ora è vicesindaco di Firenze. Fu don Lorenzo a trasformare quelle tabelle in disegni a colori. E fu sempre lui a scrivere il capitoletto sull'Italia contadina assente da quel Parlamento che aveva approvato la riforma della media, con la destra che proponeva più latino, la sinistra più scienza, topi di museo i primi, topi di laboratorio i secondi, li chiamava 'Lontani gli uni e gli altri da noi che non si parla e s'ha bisogno di lingua d'oggi e non di ieri, di lingua e non di specializzazioni'''.
Don Lorenzo e i ragazzi lavorarono alla lettera per nove mesi. ''Barbiana era una scuola aperta dodici ore al giorno, tutto l'anno'', racconta Pecorini. Lui, giornalista dell'Europeo, conobbe il prete nell'estate del 1958, quando la Civiltà Cattolica stroncò Esperienze pastorali, precedendo il decreto del Sant'Uffizio che ne voleva vietare la vendita. ''Gli mandai un telegramma e dopo due giorni mi fece telefonare. Arrivai a Barbiana mentre faceva scuola. Senza sollevare la testa da un libro, don Milani sibilò: ''Questo è l'imbecille che ci ha mandato il telegramma''. Rimasi di sasso. Ma a Barbiana non si distribuiva la posta, non c'erano telefono ed elettricità. Era arrivato un avviso e lui si era allarmato. Qualcuno era sceso a Vicchio e aveva dovuto pagare una multa salata''.
La scuola era uno stanzone accanto alla chiesa. Alle pareti, ricorda Pecorini, una libreria costruita dai ragazzi. Poi tavollacci d'osteria, carte geografiche e tabelle sulla decolonizzazione in Africa e in Asia, uno schema del Parlamento, foto di Ghandi e di bambini neri. Più tardi comparve la scritta: ''I care''. Qualche volta spuntava un gigantesco spartito: ''I ragazzi ascoltavano Beethoven e don Lorenzo con una bacchetta li invitava a seguire la musica''. La musica, le lingue straniere (poca grammatica, molto uso), saper costruire uno scaffale: erano pilastri petagogici. Come scrivere e leggere collettivamente. Oppure far scuola fra loro, i più grandi che diventano maestri dei più piccoli. ''Niente libri di testo, ma per ogni materia anche cento libri, e poi i giornali, commentati a fondo''. Da una porta si entrava nella stanza dove dormiva il priore. Al piano di sopra vivevano Leda, la perpetua, e Michele e Francesco (Francuccio) Gesualdi, che vissero a Barbiana fino alla morte di don Lorenzo. (Michele è diventato sindacalista della Cisl e presidente della Provincia di Firenze, Francuccio è stato fondatore della Rete Lilliput, e ora esce un suo libro Il mercante d'acqua - Feltrinelli, pagg. 132, euro 8).
Quando il libro fu finito, dol Lorenzo si era trasferito dalla madre a Firenze, dove continuava a lavorare con i ragazzi. ''Venne a trovarlo il proprietario della Libreria editrice fiorentina, che stampò la Lettera in cinquemila copie'', racconta la Corradi, ''e lui gli disse 'ti basteranno per una settimana'''. Della Lettera si fecero nuove edizioni, ma don Lorenzo non c'era più. Una copia l'aveva regalata ad Adele con la dedica: ''Poi finalmente trovammo una professoressa diversa da tutte le altre che ci ha fatto tanto del bene''.

Fonte: la Repubblica, 10 maggio 2007



| Home  | Fondazione  | Attività  | Risorse  | Links  | Contatti  | Admin |