Fondazione Sandro Pertini - Sito Ufficiale


Letto per voi
La villeggiatura di Mussolini, il confino da Bocchini a Berlusconi
di SILVERIO CORVISIERI, Baldini Castoldi Dalai editore
Guardare al passato è spesso utile per capire da dove si viene e dove si vuole andare, per imparare dagli errori e percorrere passi più saldi e sicuri verso il futuro. Ma non si può trarre profitto dalla storia se questa viene manipolata e riscritta a seconda dei tempi e delle circostanze. Oppure se addirittura non è mai stata scritta.
In quest'ottica, La villeggiatura di Mussolini si pone come il tentativo di scrivere una storia organica sul confino politico durante il fascismo e, nello stesso tempo, aspira a essere un'incisiva risposta ai recenti tentativi di rivalutare molti aspetti del regime mussoliniano, anche quelli più ignobili. L'unica cosa che, paradossalmente, si finisce per rivalutare è solo la perfida intelligenza di alcune menti fasciste, come quella di Arturo Bocchini, per esempio, capo della polizia del regime, ideatore, ai fini propagandistici, dell'accostamento fra confino e villeggiatura, per alcuni ancora così ovvio e attuale.
Nel libro, attraverso numerosi documenti e testimonianze, vengono ricostruite la genesi e lo sviluppo di questa forma di repressione del dissenso, ed emergono con evidenza tutte le persecuzioni morali, i piccoli sadismi quotidiani e le violenze fisiche e intellettuali, parti integranti della ''villeggiatura'' a cui furono costretti un gran numero di non allineati all'ordine mussoliniano: dai grandi protagonisti del Novecento italiano come Pertini, Gramsci, Nenni e Cesare Pavese, fino ai più umili fra contadini, operai e insegnanti. Gente di ogni estrazione sociale e politica, che seppe respingere ogni tentativo di umiliazione e di distruzione della personalità, in nome di un insano amore: quello per la libertà

Galleria fotografica:
villeggiatura.jpg



| Home  | Fondazione  | Attività  | Risorse  | Links  | Contatti  | Admin |